Configurazione dei principali storage filter nel vCenter.

Gli storage filter ci permettono di evidenziare o nascondere gli storage che sono utilizzati. Questo per evitare che il nostro collega aggiunge uno storage agli esxi, e noi facendo una scansione lo rivediamo disponibile e magari ci applichiamo un RDM, distruggendo tutti i dati (magari vm migrate …). Un sistema deve affidabile, deve applicare criteri di sicurezza anche in questo senso. Questi filtri infatti impediscono, o almeno tentano di impedire, questo tipo di azioni, sicuramente non volute.

I filtri di seguito possono avere due valori: False o True. False il filtro è disabilitato e quindi non filtra. True il fitro è abilitato e nasconde quidni filtra

RDM filterconfig.vpxd.rdmFilter : mostra (False) o nasconde (True) le LUN RDM assegnate  a vm in RAW Device. E’ bene tenerlo a true salvo casi particolari come Ms Clustering SCSI-3 quorum disk.

VMFS filter – config.vpxd.vmfsFilter : mostra (False) o nasconde (True) le LUN formattate in VMFS

Host rescan Filterconfig.vpxd.hostRescanFilter: in questo caso non mostra o nasconde ma fa una scansione di tutti gli host (se abilitato – True)  connessi al vCenter non appena viene creato un nuovo VMFS.

Same host and transports filer – config.vpxd.sameHostAndTransportsFilter : mostra (False) o nasconde (True) le LUN che non possono essere utilizzate come storage extend dovuto ad incompatibilità.

Tutti gli storage filter sono abilitati (true) per default e quindi non vengono visualizzati nel vSphere Client. Ricorda: una volta inseriti non possono essere cancellati dalla visualizzazione ma solo abilitati o disabilitati.